Dal 1928, fra tradizione e modernità

Costruire una scala interna: tipologie, dimensioni e costi

Costruire una scala interna richiede attenzione a tipologie, dimensioni e costi, per integrarsi perfettamente nell’ambiente domestico o lavorativo. Infatti, le scale interne non sono solo un elemento funzionale per collegare diversi livelli di un edificio, ma possono anche trasformarsi in punti focali di grande impatto estetico

Dalle classiche scale in legno a quelle in metallo o vetro, ogni materiale porta con sé specifiche caratteristiche di durabilità e manutenzione. Inoltre, le dimensioni della scala devono rispondere a criteri di spazio disponibile e normative di sicurezza

Scopri come la scelta accurata di stile, materiali e dimensioni influisce notevolmente sul budget finale per la realizzazione di una scala interna.

Modelli di scale per interni: un’ampia scelta a seconda delle esigenze

La scelta del modello di scala interna è cruciale non solo per funzionalità, ma anche per l’impatto estetico che può avere all’interno dell’ambiente. Di seguito, una panoramica completa dei modelli più comuni e delle loro caratteristiche:

  1. Scale a chiocciola. Queste scale occupano poco spazio grazie alla loro configurazione circolare e sono ideali per spazi limitati. Offrono una soluzione estetica e funzionale, pur richiedendo attenzione per la comodità di salita e discesa.
  2. Scale a giorno. Caratterizzate da una struttura aperta senza contropiastre sotto i gradini, le scale a giorno si integrano perfettamente in ambienti moderni, dando un senso di leggerezza e continuità visiva.
  3. Scale retrattili. Perfette per l’accesso occasionale a soffitte o soppalchi, si ripiegano e scompaiono nel soffitto quando non sono in uso, massimizzando così lo spazio abitabile.
  4. Scale elicoidali. Simili alle scale a chiocciola, ma con un design più libero e meno ristretto, le scale elicoidali si sviluppano attorno a un pilastro centrale, offrendo un forte impatto visivo e una presenza scultorea.
  5. Scale a sbalzo. I gradini sono fissati direttamente al muro senza supporti visibili sul lato opposto, creando un effetto visivamente sorprendente di “gradini sospesi”. Queste scale richiedono una struttura muraria molto solida per il montaggio.
  6. Scale a L o a U. Questi modelli prevedono uno o più cambi di direzione (piattaforme o pianerottoli di sosta) e sono adatti per spazi più ampi, dove la scala contribuisce a definire e separare ambienti diversi.

Ogni modello di scala offre specifici vantaggi in termini di design, uso dello spazio e comfort, rendendo importante valutare attentamente le proprie necessità prima di effettuare una scelta.

Costruire scala interna a giorno

Dimensioni scale per interni: cosa bisogna valutare per una corretta misura?

Le dimensioni delle scale interne sono un aspetto fondamentale da considerare durante la progettazione e l’installazione, dato che influenzano direttamente l’usabilità e la sicurezza degli spazi abitativi. 

La scelta delle dimensioni adeguate deve prendere in considerazione non solo lo spazio disponibile ma anche le necessità specifiche degli utenti della struttura.

Per garantire comfort e sicurezza, è essenziale valutare attentamente la larghezza dei gradini, che dovrebbe essere sufficiente per accomodare comodamente il piede di un adulto. La larghezza standard di un gradino si aggira tra i 22 e i 30 cm, mentre l’altezza ideale (o alzata) dovrebbe variare tra i 15 e i 18 cm per evitare sforzi eccessivi durante la salita o la discesa.

La pendenza della scala è un altro fattore critico: una scala troppo ripida può risultare scomoda e pericolosa, soprattutto per bambini e anziani. Generalmente, l’inclinazione ideale si trova tra i 30° e i 37°. Per determinare un equilibrio ottimale tra alzata e pedata (la parte orizzontale del gradino), gli architetti e i designer si affidano alla formula di Blondel: 2a+p=622a+p=62, dove aa è l’alzata e pp la pedata, e il risultato è espresso in centimetri.

Ogni tipo di scala, dalla classica rettilinea alle più complesse scale a chiocciola o elicoidali, presenta specifiche dimensionali che si adattano meglio a diversi ambienti e necessità. Ad esempio, le scale a chiocciola richiedono un diametro minimo che varia in base alle normative locali, ma si aggira solitamente intorno ai 120-140 cm per garantire una circolazione sicura e confortevole.

In definitiva, una progettazione attenta delle dimensioni delle scale è cruciale per ottenere un ambiente sicuro, accessibile e confortevole, rispettando al contempo le normative vigenti in materia di costruzioni.

Costruire una scala interna: dimensioni minime scala a chiocciola

Come già accennato, le scale a chiocciola sono una soluzione ideale per ottimizzare lo spazio negli ambienti ristretti, ma è fondamentale rispettare certe dimensioni minime per assicurare la loro funzionalità e sicurezza. Il diametro minimo di queste scale è un aspetto cruciale da considerare, dato che influisce direttamente sulla facilità di movimento e sul comfort generale.

Generalmente, per una scala a chiocciola, si raccomanda un diametro non inferiore ai 120 cm. Questa misura consente di garantire un’adeguata ampiezza di passaggio, permettendo agli utenti di salire e scendere con maggiore comodità e sicurezza. Un diametro inferiore potrebbe non solo rendere la scala meno confortevole, ma anche non conforme agli standard di sicurezza, soprattutto in caso di emergenza.

Oltre al diametro, è importante considerare anche la larghezza effettiva dei gradini. Nelle scale a chiocciola, i gradini si restringono verso il polo centrale, e quindi la parte più utilizzabile del gradino è quella più vicina alla balaustra esterna. La larghezza utile dovrebbe essere almeno di 50 cm per assicurare una calpestabilità sicura e confortevole.

Infine, anche l’altezza tra un gradino e l’altro (l’alzata) deve essere attentamente calcolata per evitare che la scala diventi troppo ripida, aumentando così il rischio di cadute. Idealmente, l’alzata non dovrebbe superare i 22 cm per mantenere un comfort ottimale durante l’uso della scala.

Scala a chiocciola pianta tonda

Quanto costa fare una scala interna: una panoramica approssimativa dei costi

Il costo di una scala interna può variare ampiamente a seconda di diversi fattori chiave come i materiali utilizzati, la complessità del design, le dimensioni e le finiture scelte. Qui forniamo una panoramica generale dei prezzi per aiutarti a budgetizzare il tuo progetto:

  1. Materiale. Le scale possono essere realizzate in diversi materiali, dal legno al ferro per opzioni più standard, fino all’acciaio inossidabile o al vetro per scelte più moderne e resistenti.
  2. Design e complessità. Il tipo di scala, che sia rettilinea, a chiocciola o elicoidale, influisce sulla complessità del progetto. Le scale rettilinee sono tipicamente più semplici, mentre quelle a chiocciola o elicoidali richiedono una progettazione più articolata.
  3. Lavori strutturali aggiuntivi. Modifiche significative alla struttura esistente, come il rinforzo delle pareti o la creazione di nuove aperture, possono essere necessarie a seconda del design scelto.
  4. Dimensioni. Le dimensioni della scala, che si estenda su più livelli o occupi una grande superficie, influenzano il volume di materiali e la manodopera necessari.
  5. Finiture e dettagli aggiuntivi. Elementi come ringhiere personalizzate o soluzioni integrate di illuminazione possono arricchire l’aspetto e la funzionalità della scala.

Per ottenere una stima accurata, è essenziale consultare professionisti del settore che possano fornire un preventivo dettagliato basato sulle specifiche del tuo progetto. Questo ti permetterà di avere una visione più chiara del budget necessario per la realizzazione della tua scala interna.

Approfitta della nostra esperienza per creare una soluzione su misura. Contattaci oggi stesso per discutere il tuo progetto e ricevere una consulenza personalizzata. Realizza la scala dei tuoi sogni con Saderi Metal Art: qualità, design e innovazione a tua disposizione.